Realtà virtuale e realtà aumentata per il sales e il retail

Richiedi informazioni

Le aziende dello shopping sono chiamate ad abbracciare nuovi paradigmi per competere efficacemente, proteggere il brand e fidelizzare clienti sempre più connessi e informati, che esigono offerte sempre più flessibili e personalizzate.

Le principali opportunità delle tecnologie immersive in ambito retail sono:

icona-personalizzazione@2x

personalizzazione

icona-chatbot@2x

smart speaker
& chatbot

icona-shopping@2x

shopping
esperienziale

icona-social-currency@2x

catturare l’attenzione

Iper-personalizzazione per un cliente sempre più informato

In una customer journey sempre più ricca e complessa, il retail è chiamato a rivedere il proprio ruolo di touch-point fisico-virtuale.

I retailer possono scegliere quali momenti dell’esperienza di acquisto complessiva mantenere in ambiente fisico e quali invece dematerializzare, per ottimizzare tempo e risorse, ma anche per far evolvere modelli di engagement e fidelizzazione.

Grazie alle tecnologie immersive, questo scambio diventa più naturale, portando nelle case gli oggetti con una maggiore presenza, grazie a realtà aumentata e grafica 3D interattiva, ma anche riconfigurando gli spazi fisici come piattaforme multimediali in grado di riconoscere il cliente e offrire in real time un percorso tarato sulle proprie caratteristiche e abitudini di acquisto

Richiedi informazioni

Smart speaker e chatbot

La crescita di voce e assistenti virtuali

Le persone sono sempre più abituate a interagire con assistenti vocali e chat artificiali, applicazioni di intelligenza artificiale in grado di simulare il comportamento umano, ma limitatamente a task e argomenti specifici. Possiamo costruire “voice-skill” in grado di integrare la presenza di operatori umani per le attività ripetitive, ridondanti e a basso valore aggiunto, permettendo al personale qualificato di concentrarsi su altre attività.

Per le attività di e-commerce, la chat può fornire istantaneamente almeno un primo livello di assistenza aumentando la soddisfazione del cliente e la trustability del brand.

Secondo Gartner e Juniper, le chatbot saranno coinvolte nell’85% di tutte le interazioni B2C entro il 2020; su Facebook ci sono già oltre 100.000 chatbot con cui i brand interagiscono con i clienti.

Richiedi informazioni

Realtà aumentata e virtuale per materializzare gli oggetti

Rendere l’acquisto un’esperienza indimenticabile

L’esperienza è lo strumento più potente per conquistare e trattenere clienti. I brand possono quindi sfruttare l’immersività per condurre i clienti in scenari che esaltino la qualità e le caratteristiche dei prodotti.

È anche possibile materializzare oggetti che non sono presenti in loco, creando showroom o addirittura camerini virtuali.
Il tema è poi quello dell’integrazione, per scegliere quali elementi del percorso del cliente mantenere fisici e quali portare online per ottimizzare tempo e risorse.

Richiedi informazioni

Le recensioni sui social come moneta di scambio

Costruire una reputazione online

La “social currency” il sistema di referenze, like e recensioni positive spontanee su brand, prodotti e servizi.  Possiamo quindi costruire dei percorsi che agevolino questo processo, inducendo gli utenti a lasciare la propria traccia sui canali social e web dei nostri brand. Si tratta ad oggi di uno tra i più solidi sistemi di reputazione.

Ma come portare le persone ad esporsi in nostro favore. Si tratta di percorsi che interessano più attività e tecnologie, spaziando dal community management sui social network, fino a esperienze di realtà aumenta o virtuale che coinvolgano emotivamente gli utenti creando un rapporto stretto con il marchio.

I retailer sono quindi chiamati a usare tale strategia in modo mirato ricercando un coinvolgimento genuino.

Richiedi informazioni